Copy

Francamente, la cura delle orchidee è più un’arte che una scienza. Fortunatamente, questo compito diventa più facile man mano che si inizia a conoscere la natura di queste bellissime piante da fiore. In primo luogo, le orchidee vengono solitamente coltivate in frammenti di corteccia o muschio invece che in terriccio come la maggior parte delle altre piante d’appartamento, che è il primo indizio che hanno esigenze speciali, compresi i termini di irrigazione. E come accade per qualsiasi pianta, è di fondamentale importanza sapere come dosare la quantità di acqua introdotta. Quindi ecco come annaffiare un’orchidea per favorire una crescita sana e farla rifiorire!

Come innaffiare un’orchidea in modo che prosperi?

Come probabilmente già saprai, i tipi di orchideaÈ più comunemente coltivato poiché le piante d’appartamento provengono da regioni tropicali. Tuttavia, questo non significa che a loro piaccia l’eccessiva umidità costante. Allo stesso tempo, sono epifite, il che significa che crescono su altre piante senza parassitare invece di crescere sul terreno nel terreno. Ciò significa che le loro radici funzionano in modo leggermente diverso rispetto alle altre piante d’appartamento e spiega perché alle orchidee non piace crescere nel normale terriccio. Poiché le loro radici hanno bisogno di aria (possono persino fotosintetizzare come le foglie!), si seccano più facilmente tra un’annaffiatura e l’altra. Ma come con quasi tutte le piante, quando non sai come innaffiare un’orchidea, è meglio darle poca acqua piuttosto che troppa.

Ogni quanto vanno annaffiate le orchidee?

cura dell'orchidea come innaffiare un'orchidea deflorata per farla rifiorire

Visualizza nella galleria

 

 

Sapere come innaffiare un’orchidea è inutile se non sai quando farlo… La frequenza con cui innaffiare le tue orchidee dipende da una serie di fattori, tra cui la temperatura e l’umidità dell’ambiente, la quantità di luce ricevuta dalle piante, la substrato e persino il tipo di contenitore in cui crescono. Invece di annaffiare secondo un programma (diciamo ogni sabato), è meglio cercare alcuni indizi che la tua orchidea abbia bisogno di acqua.

Sapere quando è il momento di annaffiare è essenziale

come innaffiare un'orchidea in vaso per farla rifiorire corteccia

Visualizza nella galleria

Il primo passo è assicurarsi che il substrato sia già asciutto prima di introdurre una nuova dose di acqua. Per fare questo, infila il dito nella corteccia (o nel muschio) fino alla prima nocca. Se preferisci, usa la punta di una matita affilata, una bacchetta o uno spiedino di legno per eseguire questo test e se il legno si scurisce per l’umidità, non annaffiare.

come annaffiare un'orchidea sfiorita per farla rifiorire consigli

Visualizza nella galleria

 

È anche meglio annaffiare le orchidee al mattino, in modo che eventuali schizzi sulle foglie abbiano il tempo di evaporare. Nel caso in cui l’acqua entri e si raccolga alla base dove le foglie incontrano il fusto, potrebbe causare marciume. Quindi, in tal caso, rimuovere le goccioline residue con un panno morbido o un tovagliolo di carta.

Come innaffiare un’orchidea coltivata nella corteccia

come immergere un'orchidea in vaso nella corteccia per farla fiorire di nuovo

Visualizza nella galleria

Poiché l’obiettivo è saturare i pezzi di corteccia con acqua, l’irrigazione tradizionale non è abbastanza efficace per le orchidee . Il modo migliore per innaffiare le orchidee in vaso nella corteccia è quindi quello di posizionare l’intero vaso in una ciotola profonda. Quindi, mettilo nel lavandino e versa dell’acqua sulla corteccia in modo che riempia la ciotola fino al bordo della pentola. Se metti prima l’acqua nella ciotola, rischi di spingere la corteccia fuori dalla pentola quando la spingi nell’acqua. Lasciare il contenitore in ammollo per circa 15 minuti in modo che la corteccia si impregni bene. Quindi estrai il vaso, lascia scolare completamente l’acqua in eccesso e rimetti la tua orchidea al suo solito posto.

Il modo migliore per annaffiare le orchidee in vaso nel muschio

come innaffiare immergere un'orchidea in vaso nella schiuma per farla fiorire di nuovo

Visualizza nella galleria

 

Per quanto riguarda le orchidee che crescono nel muschio di sfagno, puoi innaffiarle dall’alto, proprio come innaffi il resto delle tue piante d’appartamento. Tuttavia, potresti trovare più facile immergere le tue orchidee nel lavandino o in una vasca per dare al muschio abbastanza tempo per reidratarsi. Il muschio di sfagno, che trattiene l’umidità più a lungo dei frammenti di corteccia, può apparire secco in superficie ma essere ancora umido all’interno del vaso, quindi prova con il dito o con uno spiedino di legno. Tieni presente che è ancora più facile annaffiare le orchidee se si trovano in un vaso di plastica, ceramica smaltata o vetro perché trattengono l’acqua più a lungo dei vasi di terracotta. Se vedi radici brunastre o spugnose,

Che acqua devo usare per annaffiare le orchidee?

foglio come innaffiare un'orchidea deflorata per farla rifiorire consigli

Visualizza nella galleria

Sapevi che l’acqua piovana (o la neve sciolta) è la cosa migliore per molte piante, comprese le orchidee? La ragione di ciò è che contiene un po’ di azoto (un nutriente essenziale per la crescita delle piante) ed è privo di sostanze chimiche. Tuttavia, non è essenziale che le tue Orchidaceae crescano e fioriscano e puoi tranquillamente usare la normale acqua del rubinetto.

Come innaffiare un’orchidea per farla fiorire?

come innaffiare un'orchidea deflorata con cubetti di ghiaccio per farla rifiorire consigli

 L’acqua a temperatura ambiente è la migliore, ma puoi anche innaffiare la tua orchidea con cubetti di ghiaccio senza danneggiarla. Per fare questo, posiziona due o tre cubetti di ghiaccio sul substrato senza toccare le foglie. Quando il ghiaccio si scioglie, fornirà umidità alla tua pianta in fiore. Inoltre, l’appannamento non è necessario. Se ti stai chiedendo come innaffiare un’orchidea deflorata per farla rifiorire, prova il metodo del fertilizzante fatto in casa con buccia di banana e non rimarrai deluso!