Press ESC to close

Come far germogliare una pianta di ciliegio in 7 giorni senza spendere soldi: basta il nocciolo

Copy

Dare vita a un ciliegio senza attendere diversi mesi è ora possibile grazie a un metodo semplice. Ecco il segreto per raggiungerlo.

Le ciliegie e la loro semina Il mese di maggio segna il ritorno della bella stagione e delle temperature più elevate, spingendo alcuni a fare il bagno al mare nelle ore più calde. È anche un momento propizio ai viaggi, alle gite e alla degustazione di meravigliosi prodotti naturali. Tra queste prelibatezze ci sono senza dubbio le ciliegie, questi gustosi frutti che, oltre ad essere piacevoli al gusto, sono ricchi di elementi benefici per il nostro organismo, come potassio, fosforo, vitamina A e vitamina C.

Come coltivare subito un ciliegio: un metodo facile e veloce Per tutti questi motivi, molte persone desiderano coltivare un ciliegio nel proprio giardino. Tuttavia, coltivare un ciliegio non è un compito facile per i principianti che non padroneggiano le migliori tecniche.

Ecco perché è interessante conoscere un metodo per far germogliare la pianta in pochi giorni, senza dover spendere una fortuna. La tecnica migliore è utilizzare il nocciolo presente all’interno della ciliegia.

Il primo passo è quindi quello di ottenere ciliegie, preferibilmente molto mature, in modo da aumentare le possibilità di trovare semi adatti pronti a far nascere nuove piante.

Come si fa a sapere se una ciliegia è matura? Basta osservarne attentamente il colore, che deve essere di un rosso intenso e brillante. Alcune varietà di ciliegie hanno questo colore anche se non sono completamente mature, ma in genere le ciliegie di questa tonalità sono mature.

Per recuperare il nocciolo all’interno della ciliegia, basta mangiare il frutto e salvare il nocciolo, oppure tagliare la ciliegia con un coltello. Una volta estratto il nocciolo, è importante pulirlo bene per togliere ogni traccia di polpa. Insomma, più chicchi ottieni, più semi dovrai seminare.

A questo punto, il passo successivo è seminare il nocciolo. Tuttavia, potrebbero essere necessari ancora alcuni mesi prima di vedere apparire un germoglio. L’obiettivo è accelerare il processo.

Ciò può essere ottenuto molto semplicemente creando una piccola fessura nel guscio o rimuovendo dal nucleo la parte dura che circonda l’embrione. Usa semplicemente uno schiaccianoci per rompere il guscio e creare una crepa.

Dopo circa 40 giorni la pianta comincerà a crescere, se utilizzi solo l’embrione puoi veder spuntare un germoglio entro un mese, o anche quaranta giorni al massimo. La situazione è diversa se scegli il kernel intatto, poiché potrebbero essere necessari cinque o sei mesi.

Una volta fatta la tua scelta, puoi procedere con la semina. Scava una piccola buca profonda circa un centimetro in una pentola piena di terra usando un cucchiaino.

Quindi inserire il nucleo o l’embrione nel foro, coprirlo con terra e spruzzare leggermente con acqua. Assicurati di mantenere il terreno umido fino alla comparsa dei primi germogli.

Dopo circa 40 giorni potrete osservare l’affiorare di una radice che farà uscire anche il seme dal terreno. Dopo alcuni giorni, il germoglio misurerà circa due centimetri.

Circa una settimana dopo la germinazione del seme, inizieranno a comparire le prime foglie. Dopo quindici giorni, la pianta raggiungerà un’altezza di circa dieci centimetri e comincerà a sviluppare la sua chioma. Con il passare dei mesi, vedrai un’ulteriore crescita delle piante, anche se il primo anno sarà dedicato principalmente allo sviluppo del sistema radicale.

Quando la pianta raggiunge un’altezza di circa un metro e mezzo, e il diametro del tronco centrale raggiunge i 2 centimetri, sarà possibile innestarla in modo da favorire la produzione di frutti grandi e prelibati.