Copy

Supponiamo che tu abbia un letto comodo con una coperta riscaldata e un materasso, potresti essere tentato di considerare di spegnere il riscaldamento di notte. A prima vista, ha senso: se non hai bisogno di un riscaldatore, che senso ha farlo funzionare? Ma è l’opzione giusta da scegliere? Devo lasciare il riscaldamento acceso, abbassarlo o spegnerlo? Tutti si pongono la domanda, soprattutto durante il drastico calo delle temperature. Ti spiegheremo tutto noi.

In inverno la bolletta del riscaldamento aumenta? Se è così, ti starai chiedendo se spegnere il riscaldamento ti farà risparmiare denaro. Diamo un’occhiata più da vicino.

Il riscaldamento dovrebbe essere spento o spento di notte? Ecco l’opzione più vantaggiosa

Mentre alcune persone lasciano il riscaldamento acceso tutta la notte, altri pensano che spegnerlo sarebbe la soluzione migliore per cercare di ridurre i propri consumi energetici, soprattutto con  le bollette eccessivamente alte  che riceviamo in inverno. Qual è quindi l’opzione più vantaggiosa? La risposta è: dipende da alcuni fattori legati al tuo alloggio.

Bolletta riscaldamento

  • È possibile spegnere il riscaldamento quando si abita in un’abitazione con isolamento termico?

Abitazioni  ben isolate con elevata inerzia termica si  accumulano, trattengono il calore e impediscono al freddo esterno di penetrare. Detto questo, sarebbe del tutto  possibile spegnere il riscaldamento   di notte, perché non rischi di ritrovarti con un consumo eccessivo di energia quando lo riaccendi al mattino. Puoi anche abbassare la temperatura di alcuni gradi, così il  risparmio sulla bolletta  può arrivare  dal 10 al 15%.

  • È possibile spegnere il riscaldamento in caso di isolamento fatiscente?

Se abiti in una  vecchia casa  con isolamento insufficiente  e  bassa inerzia termica , spegnere il riscaldamento è fuori questione. In caso contrario, le stanze diventeranno molto fredde a causa della perdita di calore. Inoltre, il riscaldamento consuma più energia del solito per riscaldare la tua casa e ti ritroverai con una bolletta molto alta. In questo caso, basta impostarlo su una temperatura più bassa. Ciò ti consentirà di risparmiare dal 7% all’8% sulla bolletta , che può essere una somma piuttosto elevata alla fine dell’anno.
Spegni il riscaldamento

  • Possiamo spegnere il riscaldamento quando abbiamo una caldaia?

Devi sapere che  le caldaie (gasolio o gas)  devono lavorare di più per raggiungere la temperatura alla quale sono state impostate. Ciò significa che consumano  più energia all’accensione  e quindi spegnerli di notte per riaccenderli la mattina non fa risparmiare denaro, anzi. Se hai una caldaia in casa, abbassa la temperatura di qualche grado prima di andare a letto.

Abbassare la temperatura di riscaldamento di notte: la possibile soluzione

Per  ridurre la bolletta energetica , la soluzione migliore è  impostare manualmente il termostato  su una temperatura più bassa. Puoi anche utilizzare un  cronotermostato  dotato di un  sistema di programmazione intermittente  che puoi impostare per passare alle temperature desiderate in una determinata ora del giorno. Puoi programmarlo per iniziare a riscaldare la tua casa prima dell’ora in cui ti svegli e torni a casa dal lavoro. La stessa cosa accadrà durante la notte, il tuo riscaldamento abbasserà automaticamente la sua temperatura di alcuni gradi dal momento in cui vai a letto.

Impostare la temperatura di riscaldamento

In sintesi sarebbe possibile spegnere il riscaldamento di notte solo se si abita in un’abitazione ben isolata, altrimenti sarebbe meglio abbassare manualmente la temperatura di alcuni gradi oppure optare per un cronotermostato per farlo in automatico.