Copy

La menta è una delle erbe aromatiche-speziate più conosciute ed è utilizzata fin dall’antichità come rimedio naturale. Il nome ufficiale della menta è Mentha Piperita L. Huds e in Romania ha anche il nome popolare di isma.

Essendo una pianta spontanea fin dall’antichità, il genere Menta comprende oltre 40 specie, tutte molto aromatiche. Attualmente la menta viene utilizzata nell’industria cosmetica e in quella culinaria, avendo un aroma molto particolare che rinfresca.

Il nome menta viene spesso associato alla ninfa Minta che fu trasformata dalla gelosa Proserpina in una pianta aromatica e speziata, poi dedicata ad Afrodite.

Coltivazione della menta

La menta può essere coltivata in zone leggermente ombreggiate, risentendo i raggi solari diretti. Proprio per questo l’orto è il luogo perfetto. La menta ha bisogno di un terreno sabbioso, sciolto, umido e ricco di calcio con un pH compreso tra 6,0 e 7,5.

Uno dei consigli più importanti degli specialisti è legato al fatto che la menta ama espandersi, quindi è necessario prestare particolare attenzione allo spazio in cui la coltivi. Per non occupare tutto lo spazio, puoi piantare la menta in un vaso apposito, oppure puoi recintare il luogo con una recinzione.

Piantare la menta per talea

Le talee di menta possono essere messe a dimora nel periodo autunnale o all’inizio della primavera, a una distanza di 70 cm tra le file, a 8-10 cm per fila e ad una profondità di 8-10 cm. Dopo la semina, durante la primavera, la coltura necessita di un traliccio e del controllo delle erbacce e della ruggine, compresa l’irrigazione.

Fino alla fioritura, la menta ha bisogno di umidità. Inoltre, inizia a crescere nella vegetazione ad una temperatura di 3-5 gradi Celsius.

Come coltivare la menta nell'orto. Consigli e vantaggi

Piantare la menta per seme

I semi possono essere piantati in vaso, da marzo a maggio, oppure direttamente nel terreno, a maggio, necessitando di una temperatura di 12-20 gradi centigradi per germinare.

I benefici della menta

Le foglie di menta sono note per il loro alto contenuto di oli volatili, tannini, flavonoidi e sostanze polifenoliche, ma anche per il loro contenuto di luteolina, rutina, esperidina, acidicloregeni, caffeico, rosmarinico, colina, beta carotene, alfa e beta tocoferolo, limonene, cincol , cariofillene, aldeide acetica.

Il tè alla menta piperita è uno dei rimedi naturali più conosciuti per la digestione, avendo un effetto rilassante, coleretico e coleretico. Le foglie di menta vengono utilizzate per produrre tinture e la pianta viene utilizzata per produrre oli di menta.

Per le sue proprietà astringenti ed espettoranti, la menta è un buon rimedio naturale contro il raffreddore, combattendo il mal di gola, la tosse e il naso chiuso. Il vapore prodotto dal tè alla menta combatte la sinusite e la congestione nasale.

Gli oli essenziali di menta piperita sono spesso usati in aromaterapia per alleviare l’emicrania e alleviare l’ansia. Contro l’ansia si può consumare anche il tè alle foglie di menta che rilascia 12 composti chimici volatili e instabili che inibiscono i centri dell’aggressività.

La menta è un composto essenziale nell’industria cosmetica, grazie al suo odore che dona la sensazione di freschezza. La maggior parte dei dentifrici contiene mentolo, che è molto utile per eliminare l’alitosi, soprattutto grazie alle sue proprietà antibatteriche.