Copy

Quando si cercano utensili da cucina sani ed ecologici, si pensa subito agli oggetti in legno. Mattarelli, mortai, spatole, taglieri… Sono usati quotidianamente in cucina. Ma sono così innocui come abbiamo sempre pensato? Attenzione: il legno è un terreno fertile per i batteri e, se non adeguatamente curato, può diventare pericoloso sia per la salute che per l’ambiente. Ecco i punti di forza e di debolezza di questi utensili in legno e perché sarebbe più saggio astenersi da loro.

Perché i cucchiai di legno dovrebbero essere evitati?

utensili in legno

Come tutti già sappiamo, gli articoli da cucina sono molto importanti per la sicurezza alimentare. È quindi fondamentale scegliere materiali sani e innocui. Ma attenzione alle idee ricevute! Alcuni utensili non dovrebbero essere abusati, poiché possono danneggiarti rapidamente. Tra questi troviamo quelli che non avresti mai sospettato: i cucchiai di legno. La chimica Deborah García Bello mette in guardia i consumatori dall’uso costante di questi utensili, soprattutto durante la cottura dei pasti. Sebbene il legno sia meno dannoso della plastica, rimane comunque un ambiente prolifico per i batteri. Anche quando le spatole vengono lavate accuratamente, i batteri non vengono mai eliminati del tutto. Il legno è naturalmente poroso,

Per lo stesso motivo, anche la British Society of Immunology afferma che gli utensili  in legno  non sono raccomandati per l’uso quotidiano. Possono accumulare molti tipi di batteri e funghi. Queste comunità di microrganismi, non sempre facilmente eliminabili, formano il “biofilm”, cioè un aggregato di microrganismi che aderiscono tra loro. “  Quando i cucchiai di legno hanno uno strato simile al muco che non va via, quello è il biofilm. Il peggior incubo degli esperti di sicurezza alimentare! Quando hai il biofilm non serve pulirlo, meglio buttarlo direttamente nella spazzatura ”, spiega il chimico.

Leggi anche: Mescolare il detersivo per i piatti con il dentifricio: il trucco magico delle casalinghe esperte

Tutti i tipi di legno sono chiamati in causa?

Sebbene esistano legni battericidi come bambù, ulivo e noce, secondo lo specialista, non sono nemmeno del tutto sicuri da usare in cucina. Ha più senso optare per altri materiali quando si tratta di utensili, come metallo, teflon, polipropilene e silicone. “  Probabilmente hai usato questi utensili in legno per molti anni  senza mai aver incontrato alcun pericolo . Magari non ti è successo niente fino ad ora o non ci hai mai prestato attenzione, ma è consigliabile limitare l’uso di questi strumenti in legno. Prevenire è meglio che curare  ! “, ha concluso il chimico.

Come prendersi cura dei propri strumenti in legno?

Alcune abitudini sono dure a morire. Difficile cambiare gli utensili quando il legno è sempre stato parte della tua routine culinaria. Non vi stiamo suggerendo di bandirli del tutto dalla cucina, ma per una questione di igiene è necessario avere riflessi sistematici per prendersi cura di questo delicato materiale.

Leggi anche: Metti la spugna per i piatti in lavatrice: a fine mese risparmierai

  • Prima regola empirica: pulisci gli utensili dopo ogni utilizzo. Lavali accuratamente con sapone per i piatti o succo di limone. Ma non lasciarli in ammollo troppo a lungo ed evitare l’acqua bollente che potrebbe romperli. Soprattutto, assicurati di asciugarli molto accuratamente a mano: la minima goccia di umidità può attirare i batteri.
  • È necessario igienizzare almeno una volta al mese i vostri oggetti in legno, in particolare i taglieri. Per fare questo, lasciarli in ammollo per mezz’ora in una soluzione di acqua e aceto bianco.
  • Essendo poroso, il legno tende ad assorbire ogni sorta di odore impregnato di cibo. Per deodorarlo, puoi affidarti alle proprietà del bicarbonato di sodio. Prendete una ciotola e mescolate un litro d’acqua con un cucchiaio di questa polvere bianca. Una volta formata la pasta, stendetela sull’oggetto legnoso e lasciate riposare per circa un’ora. Quindi risciacquare con acqua pulita e asciugare bene.
  • Infine, la posizione dei tuoi utensili in legno è importante. È assolutamente necessario tenerli lontani da qualsiasi fonte di calore che rischi di deformarli, screpolarli o scolorirli.

Perché non mettere gli utensili in legno in lavastoviglie?

Quando il legno è esposto a temperature estreme (molto alte o molto basse) e umidità eccessiva, può deformarsi, spaccarsi e infine rompersi. Di norma, gli oggetti in legno vengono lavati manualmente. Ma se insisti ancora a pulirli in  lavastoviglie , controlla sempre le raccomandazioni del produttore per determinare se questo lavaggio è appropriato.

Che tipo di olio protegge gli utensili in legno?

Usa utensili di legno

Se vuoi prolungare la vita dei tuoi utensili in legno, devi necessariamente nutrire questo materiale, soprattutto le sue fibre naturali, con oli adatti. Preferisci sempre gli oli grassi per idratarlo il più possibile, come olio d’oliva, olio di cocco, olio di arachidi, olio di semi di lino o cera d’api. Tutte queste opzioni sono sicure al 100% per alimenti. Facilmente disponibili in commercio, forniranno una protezione duratura per le vostre   pentole in legno Basta versarne un po’ su un tovagliolo di carta e pulire delicatamente il materiale.

Leggi anche: Il pane rimane fresco e croccante per diversi giorni grazie a questo trucco da fornaio