Copy

Quando ci disfiamo delle banane, non dovremmo mai scartare una parte, poiché potrebbe avere un valore enorme per la nostra casa. Ecco di cosa si tratta.

Ogni stagione porta con sé i suoi frutti, e spesso non vediamo l’ora di assaporarli e godere del gusto del nostro frutto preferito per eccellenza.

Ma ci sono alcuni frutti che si trovano in commercio tutto l’anno e sono tra i più amati e comuni, anche se le loro origini sono in luoghi completamente diversi dai nostri.

BANANE: PERCHÉ NON DOVRESTI MAI SCARTARE NULLA Tra i frutti molto amati in Italia ci sono le banane, che sono estremamente benefiche per la nostra salute in quanto ricche di potassio e possono essere utilizzate in molte ricette.

Originarie delle zone tropicali, le banane hanno conquistato le tavole della nostra Penisola da secoli e sono quasi sempre presenti nelle nostre case, tanto da essere ritratte in alcuni dipinti di nature morte.

A volte, a causa della loro forma, vengono associate al membro maschile e il loro nome viene usato come allusione sessuale, anche grazie alla canzone “La Banana” molto popolare negli anni 2000.

In commercio, troviamo solitamente banane gialle o verdi a seconda del grado di maturazione, anche se è consigliabile consumare quelle mediamente mature secondo gli esperti.

Esistono diverse varietà di banane, tra cui le celesti che hanno un sapore vanigliato ma sono rare da trovare in Italia.

Di recente, sono diventate disponibili anche le banane rosse, molto più dolci delle normali, sebbene il loro prezzo sia significativamente più alto.

Il Segreto Poco Conosciuto Le banane sono diventate molto amate dai bambini grazie alla popolarità dei Minions, i personaggi di “Cattivissimo Me” che ne sono ghiotti.

Ma non tutti sanno che, nonostante consumiamo solo la parte interna del frutto e scartiamo la buccia, stiamo effettivamente sprecando qualcosa di prezioso che potremmo utilizzare in casa.

Infatti, su internet ci sono video che spiegano che dopo aver sbucciato la banana, dovremmo conservare la parte rigida all’estremità che tiene insieme i frutti e farla essiccare.

Prima di metterla al sole, è consigliabile tagliare il picciolo e aprirlo in modo che si possano vedere le fibre, che vanno poi riposte in un contenitore esposto al sole per alcune ore.

Otterremo così un insieme di fibre di banana che saranno utilissime per le nostre piante, poiché posizionandole nel terreno nei vasi fungeranno da ottimo fertilizzante.

In questo modo, le nostre piante cresceranno robuste e vigorose, assorbendo non solo l’acqua ma anche le proprietà intrinseche delle fibre di banana, che, a contatto con il terreno e l’acqua, daranno vitalità alla pianta.