Copy

Piantare il proprio cibo, oltre ad essere ottimo per la nostra salute, ci permette di contribuire direttamente alla tutela dell’ambiente, alla lotta al cambiamento climatico e al riscaldamento globale. In questo articolo mostreremo passo dopo passo come realizzare un giardino in un appartamento e sfruttare lo spazio a disposizione.

Allestire un piccolo orto o un luogo dove coltivare le proprie verdure all’interno di una piccola proprietà urbana non è così complicato come sembra.

Non sono necessari grandi appezzamenti di terreno o grandi investimenti di denaro per creare un angolo così speciale. Basta un balcone o una terrazza. Non verranno utilizzati molti materiali, il che lo rende economicamente sostenibile. Per il resto non vi resta che seguire le indicazioni su Come Fare un Giardino in Appartamento che vi forniremo di seguito.

Passo dopo passo su come realizzare un giardino in un appartamento

come realizzare un giardino in un appartamento

Passaggio 1: scegli la posizione

Un terrazzo, una finestra o un balcone possono diventare un luogo perfetto per coltivare piante e ortaggi. È consigliabile che il giardino sia situato in una zona illuminata, esposta a sud. Ciò darà la possibilità di sfruttare le ore massime di sole (da 8 a 10 ore di luce). Lo spazio deve inoltre essere protetto dalla pioggia e dall’umidità elevata.

Passaggio 2: scegli cosa piantare

Cosa sarà possibile piantare in quello spazio? Quando decidi di piantare qualcosa per la prima volta e non sai come realizzare un giardino in appartamento , questo può essere un dubbio ricorrente. Inizialmente è consigliabile iniziare con colture facili che non causano molti problemi e che richiedono cure estreme.

Questi daranno risultati migliori su quelle piante che non sono colpite da malattie gravi e parassiti. Sono da preferire quelle a ciclo breve, poiché possono essere coltivate quasi tutto l’anno e sono facili da gestire. Specie come la bietola, la lattuga, il ravanello, l’aglio e la cipolla hanno tutti questi requisiti.

Passaggio 3: scegli i contenitori

A seconda delle dimensioni del tuo balcone, terrazzo o patio, dovrai scegliere un diverso tipo di vetro o contenitore per la semina. Ad una profondità compresa tra 7 e 15 centimetri puoi piantare quasi tutto:

  • carota ;
  • Pomodoro;
  • Fagioli;
  • piselli;
  • I ravanelli;
  • Cetriolo;
  • Basilico;
  • Menta ed ecc.

come realizzare un giardino in un appartamento


Queste radici non richiedono molto volume, ma ne richiedono il minimo. Hanno bisogno solo di acqua sufficiente, ma anche di aria e sostanze nutritive. I vasi di terracotta , anche se più pesanti, sono migliori di quelli di plastica perché rispettano la temperatura della terra In realtà, ciò che conta davvero è che il tuo giardino abbia un buon sistema di drenaggio.

Passaggio 4: semina

Uno degli insegnamenti fondamentali su come realizzare un giardino in appartamento è l’atto di piantare. Esistono due modi fondamentali: piantare direttamente nel terreno o piantare in piccoli contenitori e poi cambiare man mano che la crescita cresce.

Ci sono verdure come ravanelli, carote o rape che non possono essere trapiantate e devono essere piantate direttamente. Altre verdure, come la lattuga, la cipolla o il pomodoro, anche se possono essere seminate direttamente, è consigliabile trapiantare le piantine.

Fase 5 – Il trapianto

La cosa più importante durante il trapianto è non danneggiare le radici delle verdure o dell’ortaggio e fare un buco abbastanza grande. Il passo successivo è premere leggermente il substrato attorno alla pianta trapiantata e poi annaffiare bene.

Passaggio 6: il substrato

Un buon substrato garantirà la buona riuscita del giardino. Il più consigliato è il compost, un substrato organico al 100% che contiene una miscela di resti forestali e letame.

Puoi anche creare il tuo compost in casa. Tra i suoi vantaggi spicca la capacità di immagazzinare acqua e sostanze nutritive di cui dispone la terra. Questo è essenziale, poiché nei giardini interni le piante hanno poca profondità di substrato affinché le radici possano cercare il cibo.

Inoltre il substrato organico pesa fino a tre volte meno del normale terriccio e quindi pesa molto meno sulla tavola e sul pavimento.

Passaggio 7: come gestire l’abbonamento

come realizzare un giardino in un appartamento

 

Non è possibile realizzare un giardino in un appartamento senza alcuna cura successiva. Le piante si nutrono dei nutrienti minerali presenti nel substrato e vengono estratti dalle loro radici.

I più importanti sono fosforo, azoto, potassio, magnesio, manganese, boro, rame, molibdeno e ferro. All’inizio non sarà necessario aggiungere alcun fertilizzante, ma col tempo i nutrienti si esauriranno e sarà necessario aggiungerne altro.

Si consiglia di pagare almeno due volte l’anno.

Passaggio 8: come irrigare

L’irrigazione è una delle chiavi del successo del giardino di casa. Per irrigare con precisione è consigliato l’uso di piccoli irrigatori manuali. La frequenza dell’irrigazione dipende dal periodo dell’anno e dal numero di verdure piantate. Ad esempio, in estate è necessario annaffiare due o tre volte al giorno. Attenzione però a non esagerare.

Passaggio 9: controllo dei parassiti

Il giardino dovrebbe essere sempre tenuto sotto osservazione per individuare eventuali parassiti  il ​​più rapidamente possibile. Per combatterli è sconsigliabile ricorrere a trattamenti chimici, poiché generalmente sono tossici. Questo, ovviamente, oltre a non rispettare l’ambiente.

Alcuni dei parassiti più comuni sono: afidi, larve skinner o coregone. Per eliminare questo fastidio viene data preferenza ai metodi fatti in casa, poiché in questo modo vi prenderete cura delle vostre piante in modo naturale.

Ti è piaciuto imparare a realizzare un giardino in appartamento ? Se sì, condividi l’articolo sui tuoi social network. In questo modo, più persone saranno interessate.