Copy

Coltivare il basilico è relativamente semplice qualunque sia il clima in Francia, e niente batte il basilico appena tagliato! La coltivazione del basilico si presta molto bene anche alla coltivazione in vaso e si conserva molto bene in congelatore. Infine, la coltivazione del basilico è benefica anche per alcune altre verdure come pomodori o cavoli, proteggendole da alcuni parassiti.

semi, piante e talee di basilico

Il basilico va a seme e puoi raccoglierlo per poterlo ripiantare l’anno successivo. Per iniziare a coltivare il basilico, puoi iniziare con i semi o con le piante.

Semi di basilico: È possibile seminare il basilico in piena terra solo se si vive nel sud della Francia. Altrimenti è preferibile la semina in vaso o in vaso al chiuso. La semina si effettua tra la metà di marzo e la fine di aprile (vedi tecnica di semina). Non dimenticare di portare le piantine all’aperto di tanto in tanto per farle indurire.

Piante di basilico : si trovano facilmente in commercio e sono già pronte per essere piantate direttamente. Se si sceglie di coltivare in vaso, per una buona crescita della pianta è necessario un diametro minimo di 10 cm, e può essere interessante rinvasare per consentire una buona crescita.

Talee di basilico: tagliare un germoglio vigoroso con una lama disinfettata e affilata, tagliare a metà le foglie inferiori e posizionare il germoglio in un bicchiere d’acqua senza esposizione diretta alla luce solare. Presto appariranno le radici e potrai trapiantarle in una miscela di terreno leggero, facendo attenzione a non danneggiare la pianta.

Pianta il basilico

 

Dove e quando piantare il basilico: il trapianto del basilico avviene quando è passato l’ultimo rischio di gelate e il terreno si è riscaldato, verso la fine di maggio. Il basilico ama essere riparato dal vento e può crescere sia in ombra parziale che in pieno sole. Per quanto riguarda il terreno, il basilico gradisce terreni non troppo pesanti, quindi in questo caso è necessario ammendarlo con sabbia per alleggerirlo.

piantine di basilico

Come piantare il basilico: posiziona la pianta con il terreno in una buca della giusta dimensione in cui avrai messo del concime organico e poi compattala attorno con la terra. Distanzia le piante di 20 cm l’una dall’altra e innaffia la base della pianta.

Manutenzione del basilico: pizzicare le teste del basilico a 15 cm per evitare che le piante vadano a seminare (a meno che questo non sia il vostro desiderio, ovviamente), e innaffiare alla base delle piante con tempo asciutto.

Raccogli e conserva il basilico: le foglie raggiungeranno la piena maturità in luglio-agosto; Raccogli mentre procedi, scegliendo prima le foglie più basse. Si consiglia di terminare la raccolta prima del freddo (sotto i 7 gradi). Una volta lavato e asciugato, potete conservare senza problemi il basilico nel congelatore o, ad esempio, marinarlo in una bottiglia di olio d’oliva per aromatizzarlo.

vaso per piante di basilico

Malattie e parassiti del basilico

Il basilico ha poca paura dei parassiti e delle malattie; viene utilizzato anche per respingere alcuni insetti.

Appassimento del Fusarium: causato da un fungo. Provoca ingiallimento e necrosi dal beige al marrone chiaro. Nessun trattamento organico conosciuto.