Copy

I giardinieri nelle regioni calde si rallegrano! Sebbene sia difficile da coltivare nelle regioni più fresche, la melanzana prospera nella stagione calda. Impara come coltivare le melanzane e aggiungi questo bellissimo frutto (sì, la melanzana è un frutto) al tuo giardino e alla tua tavola.

Scopri di seguito 8 segreti da conoscere per coltivare le melanzane:

1. Scegli il posto migliore per coltivare le melanzane

La melanzana preferirà una posizione molto soleggiata con terreno ben drenato e ricco di materia organica.
È importante alternare dove pianti melanzane e altri membri della famiglia della belladonna (come patate e pomodori) per aiutare a prevenire ed evitare parassiti e malattie del suolo. Aspetta almeno 2 anni tra le piantagioni di colture familiari della belladonna.

Se i parassiti o le malattie sono stati un problema in passato, prova invece a coltivare melanzane in contenitori. La melanzana cresce molto bene se coltivata in grandi vasi.

2. Scegli una varietà di melanzane adatta alle tue esigenze

Le varietà di melanzane differiscono per dimensioni, forma, colore e tempo di maturazione.

Le melanzane Globe o le melanzane americane hanno frutti ovali grandi, tradizionali viola o bianchi. Producono meglio nei climi più caldi.
Le melanzane giapponesi hanno frutti lunghi e sottili che maturano rapidamente, il che le rende una buona scelta per le zone più fresche.
Le melanzane a frutto piccolo (come Indiana e Favola) sono più compatte e sono perfette per piccoli spazi o contenitori.

Ci sono molte varietà per divertirsi con forme e colori.

3. Inizia a seminare melanzane in casa da seme o acquista piantine innestate

La melanzana si comporta meglio se piantata all’aperto dai trapianti piuttosto che dai semi. Inizia i semi di melanzana in casa 6-8 settimane prima dell’ultima gelata primaverile. I semi germinano in 7-14 giorni. I semi di melanzana durano fino a 4 anni. I semi di melanzana sono disponibili su molti siti su Internet.

Poiché la melanzana è suscettibile allo shock da trapianto, avviare i semi in contenitori più grandi da 8 cm e indurire le piante prima di piantarle in giardino.

4. Pianta le melanzane al momento giusto

La melanzana preferisce il clima caldo, quindi non piantarla fino a quando le temperature non si saranno riscaldate in primavera. Trapiantare le piantine di melanzane in giardino quando il terreno ha almeno 21°C (il modo migliore per controllare la temperatura del suolo è con un termometro del suolo), con temperature diurne pari o superiori a 21°C e notturne superiori a 10°C.
Distanzia le piante da 45 a 60 cm l’una dall’altra.

5. Prenditi cura delle piante per tutta la stagione

Dai alle melanzane un apporto costante di umidità, ma non lasciare che il terreno si inzuppi. Se la melanzana non viene annaffiata a sufficienza, il frutto risulterà piccolo e amaro.
Anche la melanzana ha bisogno di cibo per produrre bene. Nutri la pianta almeno una volta al mese con emulsione di pesce o tè di compost.
La melanzana è autofertile ma beneficia notevolmente dell’impollinazione delle api.
Rimuovi le foglie appassite e i pali delle piante o i tralicci secondo necessità se vedi che la pianta si piega.

6. Fai attenzione ai parassiti

Coleotteri delle pulci, afidi e scarafaggi della patata sono comuni parassiti delle melanzane. Usa le coperture delle file per scoraggiarle finché le piante non sono abbastanza grandi da subire un piccolo danno. Se i parassiti sono persistenti, lasciare le coperture delle file durante il periodo del raccolto.

7. Raccogli le melanzane al momento giusto

Le bacche hanno un sapore migliore e la raccolta frequente favorisce una maggiore produzione. I gambi di melanzana sono fragili, quindi fai attenzione. Per raccogliere, taglia il frutto con un picciolo ancora attaccato. Alcuni consigli per sapere se il frutto è pronto per essere raccolto, se è molto maturo, poco maturo o troppo maturo!

– Se non è visibile alcuna impronta digitale quando viene premuto, il frutto è acerbo.
– Se l’impronta del pollice scompare dopo la spremitura, la buccia è chiara e lucente, il frutto è sodo e pesante per le dimensioni, allora il frutto è maturo. IL frutto sarà tenero, con un sapore migliore e semi piccoli.
– Se l’impronta del pollice rimane dopo averla premuta e la buccia è opaca, il frutto è troppo maturo. Il frutto sarà più amaro, con semi grossi e buccia troppo dura.

8. Non lasciare che i raccolti di melanzane vadano sprecati

La melanzana non si congela o non si congela bene. La melanzana è meglio consumata entro uno o due giorni dalla raccolta. Non conservare le melanzane in frigorifero, ma in un luogo fresco, umido e ben ventilato.

Naturalmente povere di calorie ma ricche di fibre, le melanzane possono essere grigliate, fritte, impanate, arrostite, al forno o saltate in padella. La melanzana è anche un ottimo sostituto della carne e una parte essenziale della cucina italiana. Ci sono diversi piatti in cui è presente la melanzana. Prova ad aggiungere questo frutto versatile alle tue ricette preferite o ad aggiungerlo alle frittate o come condimento per la pizza.