Press ESC to close

8 consigli per la pulizia di una lavatrice

Copy

Com’è bello indossare abiti appena lavati, puliti e delicatamente profumati! Ops, negli ultimi giorni hai notato con fastidio che il tuo bucato non ha più un odore fresco, ma piuttosto un soffocante odore di muffa. Ti stai chiedendo da dove potrebbe mai venire? Domanda veloce: quando è stata l’ultima volta che hai pulito la lavatrice? Non ricordo? Bene, non cercare oltre, ecco dove sta il problema! Senza una manutenzione regolare, la tua lavatrice non solo può funzionare meno bene nel tempo, ma anche causare quell’odore sgradevole. Stai tranquillo, con i nostri suggerimenti e consigli per la pulizia, il tuo bucato sarà sempre immacolato e la tua macchina durerà più a lungo. Segui la guida!

Perché è importante pulire la lavatrice?

Pulizia lavatrice

Una cosa è certa: la lavatrice ti semplifica la vita in molti modi. Grazie ad esso, i tuoi vestiti e la tua biancheria sono sempre puliti. Il risparmio di tempo è inestimabile poiché si evita il lavaggio manuale per la maggior parte del tempo. Ma non pensare che questo dispositivo sia infallibile. Se non te ne prendi cura adeguatamente, puoi aspettarti molti inconvenienti e una durata limitata. Un’unica parola d’ordine: igiene impeccabile. Ahimè, ammettilo, spesso tendi a trascurarne la manutenzione. Tuttavia, non c’è alcun segreto, per preservare il bucato e far durare più a lungo la macchina, una pulizia regolare è essenziale! In caso contrario, la mancanza di manutenzione lo influenzerà nel tempo e ne ridurrà prematuramente la durata. E non è tutto: innesca anche l’accumulo di microrganismi all’interno del dispositivo, che sono i principali responsabili di macchie e cattivi odori.

  1. Elimina batteri e muffe

Sei preoccupato per le spiacevoli sorprese? Dì a te stesso che  è del tutto possibile evitare che la muffa  si insinui nella tua lavatrice. Tutto quello che devi fare è stabilire buone abitudini e adottare i gesti giusti! Non appena senti che il tuo bucato sta iniziando ad assorbire un odore di muffa, abbi il riflesso di eseguire regolarmente un ciclo di lavaggio a una temperatura molto elevata (70-95°C) per combattere efficacemente la brutta muffa. Al termine di ogni pulizia, si consiglia inoltre di asciugare accuratamente le parti accessibili dell’apparecchio. Ricorda, l’umidità è il tuo nemico numero 1! Quindi ricordati sempre di ventilare la lavatrice lasciando il cestello e il cassetto della biancheria leggermente aperti. Questo semplice gesto aiuta a limitare notevolmente la moltiplicazione dei microrganismi che crescono rapidamente in ambienti umidi.

  1. Preserva le prestazioni della tua lavatrice

Per mantenere la tua macchina ben funzionante a lungo termine e mantenerla in funzione senza intoppi, assicurati di pulire regolarmente le aree principali in modo che siano prive di calcare.

  1. Il primo passo è controllare le condizioni della macchina. Se si avverte una certa lentezza o problemi ricorrenti, è necessario pulire le varie parti, tra cui il cassetto della biancheria, il cestello e il filtro.
  2. Il secondo passo è prevenire o rimuovere il calcare in eccesso. Infatti, la durezza dell’acqua è un indicatore del livello di calcare. Quindi, se ritieni che l’acqua nella tua zona sia “dura”, è molto probabile che i depositi di calcare siano più consistenti nella macchina. Una soluzione perspicace? Utilizzare un agente anticalcare durante il lavaggio per addolcire l’acqua e ridurre la quantità di calcare. Questo metodo è molto rilevante, soprattutto se si è abituati a lavare i vestiti a 40°C (o anche di più) con un detersivo in polvere.
  3. La terza e ultima fase di pulizia consiste nel rimuovere pelucchi e residui di detersivo, ma anche microrganismi che tendono a formarsi in zone difficili da raggiungere.
  1. Prolunga la vita della tua lavatrice

Sarebbe un vero spreco danneggiare maldestramente il tuo dispositivo e sostituirlo prima del tempo. Soprattutto perché le macchine moderne sono piuttosto costose! Perché spendere una fortuna quando tutto ciò che devi fare è, ancora una volta, maneggiare correttamente la tua lavatrice adottando buone abitudini.

  • Non sovraccaricarlo! Ogni macchina ha un peso ammissibile che di solito è compreso tra 10 e 23 chili (a seconda delle dimensioni del fusto). Non superare questo limite, altrimenti non sarai al sicuro da danni e spiacevoli sorprese.
  • Dopo ogni lavaggio, prendi l’abitudine di lasciare il coperchio aperto per il resto della giornata. In questo modo, lo aiuterai a ventilare correttamente e a ridurre il rischio di formazione di muffe. E, allo stesso tempo, per evitare i cattivi odori!
  • Pulire periodicamente i contenitori del sapone e dell’ammorbidente con aceto. In questi scomparti, spesso si accumulano residui chimici che alla fine creano antiestetiche macchie sul bucato.
  • Pulisci la tua lavatrice almeno una volta al mese per mantenerla sempre al 100% di efficienza.

I segni rivelatori che dovrebbero spingerti a pulire la lavatrice

Riesci a immaginare la tua vita oggi senza una lavatrice? Quasi impossibile, non è vero, soprattutto quando si ha una famiglia numerosa. Quindi, trattandosi di un prezioso alleato, il minimo che possiamo fare è prendercene cura adeguatamente. Tuttavia, con la vita frenetica che tutti conduciamo, possiamo davvero essere negligenti in questo settore. Fortunatamente, ci sono alcuni segnali che possono avvisarti di possibili problemi operativi. Se la tua lavatrice ti mostra uno di questi 3 segni, devi pulirla urgentemente:

  1. Cattivi odori

Nonostante siano appena lavati, i tuoi vestiti escono con un odore sgradevole? Il problema può essere dovuto all’accumulo di impurità sia nel tamburo che nei filtri. Questo è un segno sicuro che devi pulire la lavatrice il prima possibile.

  1. Macchie sui vestiti

Sei sconvolto quando noti strane macchie oleose sui tessuti dei tuoi vestiti, subito dopo il lavaggio? Non preoccuparti, pulendo accuratamente la tua macchina, questo problema non sarà più rilevante. Ma attenzione, se il fenomeno persiste, potrebbe essere dovuto a un guasto meccanico. A questo punto, è meglio contattare il servizio tecnico per evitare che ciò accada spesso.

  1. Rumori insoliti

Senti uno strano tintinnio che si verifica durante il lavaggio? Quindi potrebbe esserci un corpo estraneo nel fusto o nella pompa di scarico. Controlla attentamente questi componenti per trovare l’origine del problema e proteggere il tuo bucato.

8 consigli per pulire la lavatrice

La buona notizia è che non avrai bisogno di un “detergente” specifico o costoso per pulire la tua lavatrice. Alcuni prodotti comuni, tra cui eccellenti metodi naturali, possono fare il trucco.

Candeggiare

Utilizzare con parsimonia in quanto si tratta di una soluzione chimica non rispettosa dell’ambiente. Senza contare che questo prodotto, se usato in modo errato, potrebbe macchiare il bucato.

Modo d’uso:

  1. Riempi il cestello con acqua calda e mezza tazza di candeggina.
  2. Lascialo in ammollo per un’ora per rimuovere ogni traccia di muffa, schiuma di sapone e sporco. Quindi, eseguire un ciclo di lavaggio ad alta temperatura per disinfettare i tubi.
  3. Esegui un ciclo di risciacquo finale per rimuovere tutte le tracce di candeggina dal cestello, per evitare che i tuoi vestiti si macchino.
  4. Una volta completato il ciclo, pulire l’esterno della macchina con acqua tiepida e sapone, prestando attenzione ai pulsanti, al coperchio e ai lati. Inoltre, non dimenticare di pulire l’interno del bordo del coperchio, poiché questa parte poco appariscente è spesso lavata male, mentre accumula molta sporcizia.

Aceto bianco

Questo disinfettante ecologico ed economico è un potente alleato per la pulizia profonda della tua macchina. Come bonus aggiuntivo, uccide i batteri ed elimina i cattivi odori.

Modo d’uso:

  1. Basta versare mezza tazza di aceto bianco nel cassetto del detersivo.
  2. Quindi, eseguire un normale ciclo di lavaggio a una temperatura di 30°C o superiore.

Succo di limone

Il limone è un ottimo detergente e disinfettante, soprattutto grazie alla sua acidità. Non solo bandirà i batteri, ma deodorerà anche il luogo lasciando un piacevole profumo pungente. Quando si tratta di pulire la lavatrice, conta sempre sul potenziale del succo di limone. Inoltre, se abbinato all’aceto, il risultato è ancora più notevole!

Modo d’uso:

  1. Versa una tazza di succo di limone e una tazza di aceto e nel cestello della lavatrice.
  2. Eseguire l’unità con un ciclo a caldo per garantire l’eliminazione di germi e muffe.
  3. Una volta completato il ciclo, lasciare aperto lo sportello del cestello durante la notte per ottimizzare l’asciugatura. Non preoccupatevi, il piacevole profumo di limone rimarrà all’interno.

Bicarbonato

Come l’aceto bianco, anche il bicarbonato di sodio è rinomato per le sue prestazioni detergenti e deodoranti. Come bonus, è anche ecologico ed economico. La ciliegina sulla torta: è un anticalcare di prima classe!

Modo d’uso:

  1. Versare mezzo bicchiere di bicarbonato di sodio nella vaschetta della lavatrice nello scomparto del detersivo.
  2. Avviare un ciclo di lavaggio sottovuoto.

Pastiglie per lavastoviglie

Sì, potrebbe sorprenderti, ma queste compresse sono super efficaci per pulire la lavatrice. A proposito, se non hai un detergente a portata di mano, queste compresse ti verranno in soccorso.

Modo d’uso:

  1. Far scivolare alcune piccole compresse direttamente nel cestello della lavatrice.
  2. Avviare un breve ciclo di lavaggio ad alta temperatura.
  3. In questo modo, il pellet si dissolverà e disinfetterà l’interno della macchina.

Acido citrico

Un rimedio adatto per decalcificare l’interno della lavatrice? L’acido citrico sarà un alleato insospettabile. Grazie alle sue proprietà, rimarrai sorpreso dalle potenzialità di questo detergente che non avrà pietà di calcare e incrostazioni.

Modo d’uso:

  1. Versare una bustina di acido citrico nello scomparto della biancheria. Se ritieni che il tamburo sia troppo sporco o abbia un cattivo odore, sentiti libero di incorporare il prodotto direttamente al suo interno.
  2. Avviare un ciclo di lavaggio completo alla massima temperatura possibile (90 o 95°C. La modalità di lavaggio distribuirà l’acido citrico in tutto il cestello, mentre la modalità di risciacquo rimuoverà il calcare e i residui di detersivo.
  3. Al termine del ciclo di lavaggio, eseguire un ulteriore ciclo di risciacquo per rimuovere eventuali residui di acido citrico.

Limone e dentifricio

Ti sembra assurda l’idea? Certo, mescolare i due può sembrare insolito, ma  la combinazione di limone e dentifricio è un trucco fatto in casa popolare e collaudato. E questo grazie alle proprietà detergenti e deodoranti di questi due ingredienti. Con le sue proprietà acide, il succo di limone abbatterà i residui e bandirà gli odori sgradevoli. Il dentifricio, d’altra parte, ha enormi capacità di smacchiare e stripping.

Modo d’uso:

  1. Per cominciare, assicurati che la tua lavatrice sia vuota, senza vestiti o detersivo all’interno.
  2. Tagliate due o tre limoni a metà e spremete il loro succo in un contenitore.
  3. Quindi, prendi un panno morbido, immergilo nel succo di limone e spazzolalo con un po’ di dentifricio.
  4. Strofinare delicatamente all’interno della lavatrice. Prestare particolare attenzione alle aree soggette all’accumulo di sporco, come il cestello, le guarnizioni in gomma e il vassoio del bucato.
  5. Infine, eseguire un ciclo di lavaggio breve (a vuoto) per il risciacquo.

La spugna per piatti

Sapevi che una spugna da cucina può esserti molto utile? Questo semplice metodo è diventato rapidamente virale anche sui social media: infatti, ha la capacità di rimuovere tutti i peli dai vestiti in lavatrice durante il processo di lavaggio. È molto semplice, dovrai solo installare la spugna nel cestello contemporaneamente al bucato sporco. Una volta lanciato, il programma assorbirà tutti questi piccoli detriti. E presto, puoi dire addio a pelucchi e capelli che si attaccano alle pareti del dispositivo!

Come si pulisce correttamente il cestello dell’apparecchio?

Ecco i passaggi che devi seguire per pulire efficacemente il cestello della tua lavatrice:

Passaggio 1: disinfettare le guarnizioni della lavatrice

Con il tempo e l’uso, non c’è da meravigliarsi che le guarnizioni accumulino molto sporco. Spesso, infatti, non ci si accorge nemmeno di quanto siano sporchi a causa della fessura che nasconde il residuo. Ma, oggi, ti rimboccherai le maniche e disinfetterai accuratamente quest’area tortuosa. Per eseguire questo compito, dovrai usare aceto bianco o perossido di idrogeno (non entrambi contemporaneamente!).

Ecco come farlo:

  1. Versa entrambi i liquidi in una ciotola e prendi un vecchio spazzolino da denti.
  2. Immergi la spazzola nella soluzione, quindi strofina l’area per rimuovere grasso, muffa e sporco presente.
  3. Lasciare agire la soluzione per circa un’ora per un risultato più conclusivo.
  4. Trascorso questo tempo, pulire la soluzione per le articolazioni con un panno pulito.

Passaggio 2: accendere la lavatrice alla massima temperatura

Una volta terminata la pulizia delle guarnizioni, puoi passare alla pulizia dell’interno della lavatrice. Questo passaggio è relativamente semplice.

Ecco come farlo:

  1. Impostare la macchina sul ciclo più caldo.
  2. Avviare un ciclo di lavaggio sottovuoto.
  3. L’alta temperatura aiuterà a uccidere tutti i batteri presenti e invisibili ad occhio nudo.

Passaggio 3: miscelazione perspicace di bicarbonato di sodio e aceto

Dopo aver disinfettato l’interno della lavatrice, continuare con la pulizia del cestello.

Modo d’uso:

  1. Usa una miscela esplosiva di bicarbonato di sodio e aceto. Tuttavia, tieni presente che ci sono due modi diversi per applicarlo a seconda del tipo di rondella.
  2. Se hai una lavatrice a carica frontale, metti semplicemente la miscela dei due ingredienti nel dispenser del sapone. Una volta all’interno, è possibile avviare il ciclo di lavaggio.
  3. Avete una macchina a caricamento dall’alto? A questo punto il metodo è diverso. Dovresti prima lasciare scorrere l’acqua attraverso il dispositivo per alcuni minuti prima di aggiungere il bicarbonato di sodio. Dopodiché, avviare un ciclo e interromperlo dopo un minuto per lasciare che la soluzione penetri in superficie per almeno un’ora. Trascorso questo tempo, continuare il ciclo di lavaggio fino alla fine.

Passaggio 4: lascia che la tua macchina esegua un ciclo completo

Hai completato i passaggi precedenti? Ora è il momento di lasciare che la tua lavatrice esegua un ciclo completo con solo acqua. Questo risciacquo rimuoverà i residui di bicarbonato di sodio e aceto, nonché qualsiasi altro sporco residuo all’interno.

Passaggio 5: ripetere il ciclo con acqua calda

Sebbene questo sia facoltativo, è comunque consigliabile assicurarsi che non rimangano residui di sporco. Pertanto, non c’è nulla che ti impedisca di lasciare che la tua lavatrice faccia un altro ciclo completo con acqua calda. Per un’igiene impeccabile!

Errori da evitare quando si pulisce la lavatrice

Non sentitevi presi di mira, lo facciamo tutti! Poche persone leggono il manuale della macchina, bisogna ammetterlo. Pertanto, a volte commettiamo involontariamente errori grossolani. Ed è il dispositivo stesso che finisce per pagarne il prezzo dopo un po’!

Utilizzo di prodotti abrasivi

Sì, quindi se ti prendi il tempo di leggere il manuale di istruzioni, saprai che ci sono tipi di detersivi molto specifici da utilizzare sulla tua lavatrice. Tuttavia, se ti sei perso questo episodio, è molto probabile che tu utilizzi agenti abrasivi che possono intaccare la tua lavatrice dopo diversi utilizzi. In altre parole, se la schiuma non si risciacqua completamente, può macchiare i vestiti e causare l’accumulo di residui nella macchina.

Trascurare la pulizia del filtro

È importante ricordare che un filtro intasato è destinato a sviluppare muffe e funghi se non viene pulito regolarmente. Quali sono le implicazioni? Le particelle penetreranno nei vestiti durante il lavaggio e causeranno reazioni allergiche. Quindi prevenire è meglio che curare!

Frequenza di pulizia insufficiente

Per quanto possa sembrare confuso, la tua lavatrice ha bisogno di una pulizia regolare. Una manutenzione insufficiente o davvero incoerente può danneggiarlo prima del tempo. Per evitare problemi, si consiglia di fare una pulizia profonda una volta al mese o almeno dopo circa 30 cicli di lavaggio. E come potete vedere, questo è un male davvero necessario!

Domande frequenti

Come si rimuovono i depositi neri dalla lavatrice?

Per liberare la lavatrice da tutta questa muffa, responsabile dei cattivi odori, c’è una semplice soluzione detergente. Imbevi un panno in microfibra con candeggina e pulisci accuratamente il cassetto della biancheria (dentro e fuori). Prestare particolare attenzione agli angoli, dove la muffa nera si accumula più facilmente. Proseguire fino a quando non c’è più traccia di depositi neri. Quindi risciacquare abbondantemente con acqua tiepida e lasciare asciugare bene.

Dove mettere l’aceto bianco in lavatrice?

Lo svantaggio dei detergenti chimici, oltre a non essere rispettosi dell’ambiente, è che tendono a rendere i tessuti più ruvidi nel tempo. Per non parlare dei residui lasciati da alcuni ammorbidenti commerciali. Questo è il motivo per cui l’alternativa dell’aceto bianco è spesso popolare: questo prodotto non solo pulirà efficacemente il bucato, ma ammorbidirà anche i tessuti e deodorerà i vestiti. Basta versarne una piccola quantità nel cassetto dell’ammorbidente della lavatrice per vedere il risultato sul bucato dopo il lavaggio.

Come si pulisce una lavatrice puzzolente?

Se sentite un cattivo odore che proviene ovviamente dal fusto, c’è una soluzione drastica: lasciatelo in ammollo per una notte con acqua e aceto bianco. La mattina successiva, puoi risciacquare come di consueto per rimuovere eventuali residui dal prodotto. E vedrai, il fusto sarà deodorato!