Copy

Molte verdure dell’orto domestico preferite, come fagioli, peperoni, patate e pomodori (tecnicamente frutti!), Sono annuali. Completano il loro ciclo di vita in un’unica stagione di crescita, quindi è necessario piantarli anno dopo anno. Non ci sono molte vere piante vegetali perenni e quelle che lo sono possono variare leggermente da regione a regione, ma ce ne sono alcune che non hanno bisogno di essere ripiantate ogni anno. Quando pianifichi l’orto di quest’anno, includi alcune verdure leggermente insolite tra i pomodori e le patate e ricompenseranno i tuoi sforzi fornendo cibo fresco l’anno prossimo senza il lavoro di reimpianto.

Ognuna di queste verdure (sì, il rabarbaro è una verdura!) tornerà da sola. Potrebbero aver bisogno di un po’ più di spazio di anno in anno e di un po’ di manutenzione, come tagliare la pianta dopo il raccolto o dividere e ripiantare se un pezzo sembra troppo cresciuto.

Queste 7 verdure possono essere coltivate come piante perenni nella maggior parte delle aree:

– Carciofi
– Asparagi
– Topinambur
– Alcuni membri della famiglia delle cipolle
– Radicchio o trevise
– Rabarbaro
– Acetosa

1) Carciofi

Questo membro della famiglia dei cardi produce piante vegetali perenni grandi e attraenti. Se i boccioli dei fiori commestibili (quelli che mangiamo come i carciofi) non vengono raccolti, si aprono per rivelare grandi fiori viola. Coltivare il carciofo (Cynara scolymus) in pieno sole (almeno sei ore di luce solare diretta) e in terreno umido e ben drenato. I carciofi hanno bisogno di umidità ampia e costante per una crescita ottimale. Possono sopravvivere alla siccità ma non producono altrettanto bene in condizioni asciutte.

Inizia i carciofi dalle divisioni radicali o dai semi (le piante cresciute dai semi di solito non producono così come le divisioni radicali). Piantare a una distanza da 60 a 90 cm in file distanziate di circa 90 cm l’una dall’altra. Modifica il terreno prima di piantare con 5 cm di compost. Fertilizzare mensilmente con un fertilizzante ricco di azoto.

Quando si coltivano i carciofi come piante perenni, modificare il terreno attorno alle piante ogni primavera con uno strato di compost da 2 a 5 cm. Nelle zone in cui i carciofi sono poco rustici, tagliare la pianta in autunno e ricoprirla con uno strato di paglia spesso 15 cm. Raccogli i carciofi perenni in primavera, con un picco secondario in autunno. Raccogli i boccioli dei fiori quando lo stelo è completamente espanso ma il bocciolo non si è aperto. Preferire una vendemmia anticipata piuttosto che tardiva per evitare la legnosità nel cuore.

2) Asparagi

Questo raccolto resistente dura decenni nell’orto ed è uno dei primi ortaggi che possono essere raccolti in primavera. Piantare gli asparagi (Asparagus officinalis) in pieno sole e terreno umido e ben drenato. Mescola uno strato di compost spesso 5 cm nel sito di semina. Poiché gli asparagi hanno una lunga durata, è importante preparare bene il terreno prima di piantare.

Coltiva gli asparagi dalle corone radicate, disponibili nei garden center e online. Un mese prima dell’ultima gelata all’inizio della primavera, scavare trincee profonde 15 cm (in terreno argilloso) o 20-25 cm (in terreno sabbioso). Distanziare le trincee di 90 cm l’una dall’altra. Aggiungi fertilizzante fosfatico alla trincea di semina secondo le indicazioni sulla confezione. Evita i fertilizzanti ad alto contenuto di azoto, che promuoveranno il fogliame rispetto alla produzione di steli.

Posizionare le corone delle radici a 30 cm di distanza nelle trincee. Coprire le corone in modo lasco con circa 7 cm di terreno. Dopo che le nuove piante sono cresciute per circa sei settimane, aggiungi altri 7 cm di terriccio arricchito con compost. Finisci di riempire la trincea in autunno.

Erbaccia a mano per evitare di danneggiare le piante. Lascia gli asparagi non raccolti l’anno in cui li pianti in modo che possano stabilirsi bene in giardino. Nel secondo anno dopo la semina, raccogli solo per due settimane. Nel terzo anno, raccolto per le solite cinque-otto settimane.

Iniziare la raccolta quando i germogli hanno un diametro di 1 cm. Raccolto ogni giorno quando fa caldo e circa ogni tre giorni quando fa freddo. Ogni anno, lascia che alcune delle lance crescano in piante simili a felci che ringiovaniscono le radici per il raccolto dell’anno successivo.

3) Topinambur

Della stessa famiglia del girasole, il topinambur (Helianthus tuberosus) viene coltivato come la patata per i suoi tuberi sotterranei. Puoi mangiarli crudi o cotti come le patate. Tuttavia, poiché i loro carboidrati si scompongono in fruttosio invece che in glucosio, i topinambur possono essere una scelta migliore delle patate per le persone con diabete.

Piantare i tuberi non appena il terreno può essere lavorato in primavera in terreno fertile, ben drenato e pieno sole. Posizionali a 7-12 cm di profondità in file larghe 90-100 cm e lasciando 40-60 cm tra le piante. Erbaccia a mano per evitare di disturbare la pianta mentre cresce.

Ad agosto, la pianta sarà alta più di un metro e ottanta con fiori gialli. Tuberi di circa 10 cm di lunghezza e 7 cm di diametro iniziano a formarsi a fine estate. Aspetta dopo il gelo per raccogliere. Maneggiateli con cura poiché la buccia dei tuberi è molto sottile. Puoi lasciare alcuni tuberi nel terreno per ricrescere in piante la primavera successiva.

Attenzione: si tratta di piante vigorose che si diffondono per rizomi sotterranei e possono diventare difficili da estirpare. Alcuni giardinieri li considerano invasivi.

4) La famiglia delle cipolle

L’erba cipollina (Allium schoenoprasum) non solo ha un sapore delizioso e ritorna ogni anno, ma produce anche bellissimi fiori viola.

Alcuni tipi di cipolle, come le cipolle piantate autunnali e le cipolle egiziane, continuano a produrre nuove cipolle anche quando alcune vengono raccolte. Coltiva tutte le cipolle in pieno sole fino all’ombra parziale in un terreno ben drenato ricco di materia organica.

In primavera applicare fertilizzanti ricchi di fosforo e potassio ma poveri di azoto. Pianta le cipolle come set, semi o trapianti in primavera non appena il terreno può essere lavorato. Distanziateli a 15 cm l’uno dall’altro, in file a circa 30 cm l’uno dall’altro. Gli innesti devono essere posizionati a circa 3 cm di profondità.

La cipolla a grappolo (Allium cepa var. solanium, chiamata anche cipolla gallese) è un tipo di cipolla moltiplicatrice. Non cresce in grandi bulbi. Radici e steli possono essere mangiati, ma alcuni possono essere lasciati crescere in cipolle più grandi.

La cipolla egiziana (Allium cepa var. viviparum) produce piccoli bulbilli all’apice del fusto a fine estate. Puoi usare queste cipolline così come sono o piantarle in autunno per far crescere più cipolle egiziane.

L’erba cipollina all’aglio (Allium tuberosum) cresce come l’erba cipollina (Allium schoenoprasum), con foglie sottili lunghe fino a 30 cm e fiori bianchi a forma di stella a fine estate. L’erba cipollina all’aglio e l’erba cipollina formano ciuffi abbastanza rapidamente.

5) Radicchi

Questo ortaggio dal sapore forte è tecnicamente una biennale resistente, il che significa che cresce per due anni. È un tipo di cicoria ed è imparentato con l’indivia belga. Le foglie rosso scuro con venature bianche formano una testa densamente aggrovigliata che ricorda il cavolo o la lattuga romana.

Coltivare la cicoria (Cichorium intybus) in terreno fertile e ben drenato in pieno sole. Semina i semi in primavera o in autunno, quindi raccogli i germogli interni nel tardo autunno quando sono sodi e hanno il colore più intenso di bianco e rosso, lasciando le radici nel terreno per produrre un altro raccolto. Evita di raccoglierlo troppo presto perché le foglie immature hanno un sapore amaro. Aggiungi olio d’oliva e sale alle foglie fresche per ridurre il sapore amaro.

6) Rabarbaro

Sebbene molte persone lo trattino come un frutto, il rabarbaro (Rheum rhabarbarum) è in realtà un ortaggio perenne resistente (perché stai mangiando i gambi, non i frutti della pianta). Pianta il rabarbaro in pieno sole e terreno umido e ben drenato. Posizionalo dove non sarà disturbato in quanto può continuare a produrre per anni.

Piantare le corone all’inizio della primavera non appena il terreno può essere lavorato. Posiziona la gemma centrale 5 cm sotto la linea del suolo. Distanzia le ghirlande di 1m80 l’una dall’altra. Stendere uno strato di compost di 5 cm di spessore attorno alle nuove piante quando la temperatura dell’aria supera i 27°C. Taglia tutti i gambi dei fiori che si sviluppano alla base della pianta.

Applicare un fertilizzante bilanciato all’inizio della primavera. Dopo il raccolto, stendi uno strato di compost di 5 cm intorno alle piante. Quando gli steli si assottigliano, di solito dopo sei-otto anni, scava e dividi la pianta in primavera o in autunno.

Gli steli di rabarbaro hanno il miglior colore e sapore se raccolti con tempo fresco. Lascia le piante del primo anno non raccolte. Nel terzo anno, raccogli tutti gli steli più larghi di 3 cm per otto settimane. Usa solo i gambi nelle tue ricette di rabarbaro perché le foglie contengono acido ossalico e sono velenose.

7) Acetosa

L’acetosa è un’erba perenne con un sapore pungente e limone utilizzato per zuppe, stufati, insalate e salse. Le due principali acetose coltivate sono l’acetosa comune, Rumex acetosa, e l’acetosa francese, Rumex scutatus. Sono parenti del rabarbaro e le foglie contengono piccole quantità di acido ossalico che non è dannoso se consumato in piccole quantità. Le foglie sono anche una buona fonte di vitamina C.

L’acetosa ha un sapore migliore all’inizio della primavera, diventa amara quando il clima si riscalda. L’acetosa è difficile da trovare nei mercati perché appassisce subito dopo il raccolto. Per coltivare l’acetosa, seminare i semi direttamente in giardino in pieno sole e in terreno medio distanziati di 15-20 cm l’uno dall’altro in file distanti 60 cm. Le piante stabilite possono quindi essere divise.