Copy

Tutti noi amiamo il gusto delle patate fritte, soprattutto il gusto dell’infanzia, quando nostra madre le cucinava. Possiamo dire che quasi chiunque può cucinare patate fritte, anche un adolescente. Ma per qualche motivo non risulta sempre così profumato e roseo.

Per ottenere ottimi risultati nella preparazione delle patate fritte è importante seguire 5 regole d’oro .

1. Dopo aver sbucciato le patate, le taglio e le metto a bagno in acqua fredda, direi anche ghiacciata, per 30-40 minuti per eliminare l’amido (l’acqua tiepida non permette all’amido di fuoriuscire). Le patate liberate dall’amido doreranno meglio e non ci sarà “l’effetto” delle patate in umido.

2. Tolgo i cubetti di patate dall’acqua e li metto in uno scolapasta per eliminare l’acqua. Puoi anche asciugarlo su un asciugamano (carta o cotone). Ciò è necessario affinché le patate non cuociano a fuoco lento nella padella finché tutta l’umidità non è evaporata, ma iniziano immediatamente a friggere. E gli schizzi caldi derivanti dal contatto dell’acqua con il grasso non mi rendono molto felice.

3. Mentre gli spicchi di patate si asciugano, riscaldo la padella e verso l’olio o il grasso (a piacere). Verso le patate nella padella non appena l’olio sarà abbastanza caldo.

4. Non chiudo mai assolutamente il coperchio, poiché il vapore non evaporerà dalla padella e non otterrò patate fritte dorate, ma tutta la massa pallida delle patate si sfalderà.

5. Aggiungo sale e spezie alla fine, quando il piatto è quasi cotto. Per gli amanti dei piatti salati consiglio di aggiungere all’estremità un piccolo spicchio d’aglio tritato finemente, che conferirà alle patate un gusto e un profumo unici.

Seguendo tecniche così semplici, ottengo patate fritte incredibilmente rubiconde, deliziosamente aromatiche e gustose, di cui tutti sono semplicemente deliziati .